 PERSONAL NOTES OF APPLE'S WORLD AND MORE...

Published: 6 anni ago

[Guida] Twitter: ma come si utilizza?

Oramai se ne parla tutti i giorni, in tutto il web, in tutte le trasmissione televisive…ecc ecc …è diventato giorno per giorno l’uccellino blu più famoso del mondo, quasi da fare invidia a Titty di gatto Silvestro….Sto parlando di Twitter.

Come ho detto tutti ne parlano, ma moltissimi non sanno ne cos’è , ne come si utilizza…ho deciso quindi oggi, di allontanarmi un po dal mondo Apple, in attesa di “grandi notizie”…..e di pubblicare una piccola Guida all’uso, dedicata soprattutto a miei più cari amici, che ne sentono parlare tutti i giorni, sia da me…che nel web, ma si ostinano a degrinarlo a favore di un altro social network di colore blu, con cui non vado moltissimo d’accordo…ovviamente sto parlando di Facebook.

Partiamo innanzitutto del dire..Cos’è?…riporto testualmente la nozione data da Wikipedia…cioè:

Twitter è un servizio gratuito di social network e microblogging che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri.

Detto ciò andiamo all’atto pratico è cerchiamo di definire meglio il discorso di microblogging, Twitter, a differenza degli altri social network, si distingue radicalmente per l’approccio che offre ai suoi utenti, infatti esso non prevede rapporti di mutua “amicizia” (tu sei amico mio solo se io sono amico tuo, e viceversa), ma piuttosto la possibilità di seguire “passivamente” altri utenti, essi siano persone fisiche, associazioni, aziende, marchi ed altro.

Il principio di funzionamento di Twitter è come detto precedentemente è quello di  permette all’utente di pubblicare solo contenuti testuali della lunghezza massima di 140 caratteri, senza alcuna eccezione. Tali contenuti, vengono definiti “Twett” (“cinguettio” in inglese, da qui il simbolo del sito, un piccolo uccellino azzurro), e possono contenere testo, come messaggi, indirizzi internet e, di recente (come allegati), fotografie. Null’altro. Ma questa apparente semplicità nasconde molto altro.

Possiamo quindi paragonare Twitter ad una sorta di Piazza, per i miei amici Piazza Salotto 😉 , in cui si sentono e girano, moltissime informazioni, o anche pettegolezzi, di ogni genere e vengono pubblicate contemporaneamente in tutto il mondo, è proprio nella semplicità dei suoi 140 caratteri, che riesce a tenerci aggiornato in tempo reale, con tutto ciò che ci circonda.


Diciamo che inizialmente vi sentirete un po spaesati, sopratutto in quanto risulta molto differente dal nostro Social Network abituale, Facebook, cui abbiamo come punto di riferimento, ma per fortuna che sia così…eheheh…. l’importante, secondo me, è capire quali sono i nostri interessi quotidiani, capire cioè su cosa vogliamo essere informati, fatto ciò, basterà ricercare il giusto canale d’informazione, e sarete certi che in batter d’occhio vi ritroverete aggiornati su ogni notizia in tempo reale.

Facciamo un caso pratico: io sono molto interessato al mondo della Tecnologia, Telefonia, Apple, Calcio…ecc ecc, sarò quindi interessato a seguire canali di twitter di siti famosi in quei ambiti, come SkySport, The Verge, Cult of Mac, Telefonino.net…o anche persone più o meno famose che parlano di quei argomenti: es: Alex Del Piero… ecc ecc, un consiglio che mi sento di darvi, è quello di non seguire troppe persone, sopratutto all’inizio, altrimenti vi ritrovereste inondati di twett e non vi permetterebbe di seguire con accuratezza i vostri interessi.

Trovati quindi i vostri canali d’interesse preferiti, potreste  restare in ascolto passivo,  leggere solo le notizie, informazioni, status….oppure provare ad infilarvi nelle conversazioni, e quindi trovare qualcun’altro disposto a replicare alla vostra affermazione, per confutarla, appoggiarla, o dare una nuova versione del concetto, approfondirlo o altro.

Dopo aver chiarito cos’è Twitter, e qual’è il giusto approccio, definiamo alcune terminologie con cui abbiamo a che fare, se utilizziamo l’uccellino blu 🙂

Iniziamo dalla schermata iniziale, in cui abbiamo la nostra amata “Timeline” in cui vediamo apparire tutti i twett delle persone/aziende che seguiamo…..bene dire che seguiamo non è proprio un termine del gergo twitteriano, infatti dovremmo dire che “followiamo“, ed è cosi che ci imbattiamo in altri due termini fondamentali, nel mondo di twitter:

Parliamo dei “Followers” e dei “Following“, riferendoci ai primi, i cosiddetti “Followers” intendiamo altri utenti  che hanno scelto esplicitamente di “seguire” il nostro profilo, e quindi di essere messi in contatto con noi, così da conoscere ogni nostro tweet.
I “Followers”, per la loro stessa natura di “pubblico in ascolto”, possono aumentare o diminuire per i motivi più diversi. Potreste essere seguiti da utenti che vi conoscono nella vita reale, e scelgono quindi di seguirvi proprio per una conoscenza diretta; altri potrebbero scegliere di farlo perchè gli argomenti che trattate nei vostri tweet sono di loro interesse, e via così
I “Following”, invece, sono gli utenti che voi decidete esplicitamente di seguire, e quindi ogni loro twett apparirà nella nostra “timeline”

Twitter prevede questa distinzione, in quanto, a differenza di Facebook, come abbiamo detto precedentemente non prevede rapporti di mutua “amicizia” e quindi ci permettere di mettersi in contatto anche con persone che non conosciamo, solo perchè siamo interessati ai suoi argomenti.

Ora andiamo a spiegare i due caratteri speciali, in cui ci imbatteremo fin da subito, e ci riferiamo a “@” (at) e “#” (sharp). Entrambi vengono utilizzati posizionandoli prima di una parola specifica, ma hanno funzioni diametralmente opposte.

  • Il primo, la “@” (at),  serve per “citare” un determinato utente, ed ha praticamente la stessa funzione che ha in Facebook, cioè ci permette di riferirci ad un utente ben preciso nel twett che stiamo pubblicano, così facendo lo porteremo a conoscenza di ciò che stiamo dicendo, è importante sapere che è possibile citare un utente indipendentemente dal fatto che stia “seguendo” il nostro profilo o meno. Tale tweet, poi, apparirà sulla lista delle sue “menzioni” personali ( le menzioni personali sono una sorto di timeline, in cui vengono inseriti solo i tweet in cui veniamo citati direttamente).
    E’ possibile anche citare una persona in maniera privata, attraverso il cosiddetto Direct Message DM“, (DM @n.utente), in questo modo quindi la citazione non sarà pubblica, ma si creerà una sorta ci chat privata, tra noi e l’utente.
    ATTENZIONE: Per poter effettuare un Direct Message, sarà necessario che il primo “segua” il secondo, e viceversa. In caso contrario, il sistema impedirà l’invio del messaggio, a differenza della citazione “@” normale, che come abbiamo detto è possibile anche con utenti con i quali non si abbia un mutuo follow
  • Il secondo carattere speciale, “# (sharp), è nato da una consuetudine all’uso da parte degli utenti Twitter; tale carattere, posizionato davanti a una qualsiasi parola, la rende automaticamente cliccabile. L’effetto di cliccare ci permetterà di trovare  tutti i tweet, che contengano quella specifica parola.
    La parola preceduta da # si definisce HASHTAG.
    L’uso dell’hashtg è prospettico in quanto permette al tweet di essere raggiunto e letto da altri utenti, e soprattutto da quelli che non ci seguono direttamente.

Un’altra nozione da conoscere per comprendere appieno l’uso di twitter è il cosiddetto “RETWETT“.
Il retweet è una pratica consueta presente su Twitter che prevede la ripubblicazione da parte nostra di un tweet pubblicato da un altro utente.
In sostanza, è possibile dare evidenza ad un tweet (letto nella propria cronologia, perchè pubblicato da uno dei propri following, oppure rinvenuto in modo diverso su Twitter) ripubblicandolo come fosse nostro (lasciando comunque traccia dell’autore originale), ciò permette ad un twett di replicarsi all’infinito e metterlo a conoscenza per migliai, o addirittura milioni di persone.
Si capisce facilmente come il retweet sia quindi un potentissimo strumento di condivisione e propagazione delle informazioni su twitter e sia fondamentale capirne il funzionamento e padroneggiarne l’uso.

Concludo questo discorso, con una piccola chicca, cioè spiegando il  “Follow Friday”, o meglio #FF, ciò rappresenta un hashtag particolare che significa, “i suggerimenti del venerdì”.
In sostanza, un tweet contenente tale tag è un invito, ai propri follower (o a chiunque lo legga) a “seguire” a loro volta altri utenti riportati, per l’appunto, nel testo del tweet.
E’ ovvio che questo hashtag è utilizzabile durante tutta la settimana, e non solo di venerdì 😉

Diciamo che con il Follow Friday si conclude la mia piccolissima guida, che rappresenta solo una minima parte del mondo di Twitter, ora il mio piccolo #FF è quello di iniziare ad usare questo famosissimo Social Network, cosi da scoprirne ogni sua funzione, ma sopratutto vi consiglio di non limitarvi all’apparenza ma cercate di capire la portata sociale, informativa e innovativa che questo piccolo uccellino porta in sè 🙂

P.S. Ultimo consiglio, se possedete uno smartphone, o meglio un iPhone….giusto per rimanere in tema….eheh….istallate subito l’App di twitter, una qualsiasi, uffciale o non,….perchè come potete cogliere dal mio articolo quello rappresenta proprio il suo habitat naturale 😉

[Spunti da Zeerko.com]

2 Comments.
  1. Alessandro ha detto:

    Ottima guida .. Letta tutta 🙂 Per essere puntigliosi però devo farti notare che mancando indicazioni riguardo le modalità di risposta ai tweet e i cd “Mi piace” paragonabili a quelli di Facebook 🙂

    • MelaTechBlog ha detto:

      Grazie Caro!!! 😉

      Sempre molto puntiglioso sei, comunque, essendo Twitter radicalmente diverso da Facebook, il cosiddetto “mi piace” non esiste, ma potremmo “associarlo” al Retwett, in cui fai capire che la frase/tweet ti è piaciuta e retwittandola la fai conoscere a tutti i tuoi followers 😉

      P.S: I preferiti, invece, consento di salvarti i tweet che ritieni più interessanti, anche per una futura lettura, di solito pochi li utilizzano, anche perchè esistono servizi più completi come Readability, Instapaper.
      Ma in quel caso il discorso sarebbe più lungo.

      Spero di essere stato chiaro 😉

      A Presto
      MelaTechBlog aka fefeIT

Rispondi

Some HTML is OK
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: